Goodreads: una biblioteca condivisa

Goodreads: una biblioteca condivisa

Avidi lettori? Curiosi divoratori di pagine? Oppure, semplici lettori del fine settimana, amanti dei romanzi una tantum? Profondi amanti della saggistica, filosofi oppure sedotti dalle nuvolette dei fumetti? Che siate costanti nello scorrere pagine e pagine, o saltuari amanti della lettura, Goodreads può essere un ottimo amico!

Cosa è Goodreads?

Goodreads è un social network che ruota tutto intorno alla lettura.
Si tratta di un luogo virtuale, a cui si accede sia via web (da browser), sia con App dedicata, dove si discorre di libri. Approfondiamo insieme.

Innanzitutto a Goodreads ci si deve iscrivere.

Lo si può fare sia con l’account Facebook (a proposito, ci seguite già sulla nostra pagina?), sia con la mail, sia con l’account Amazon (lo sapevi già che con Amazon Prime puoi accedere anche ad una selezione di ebook per il Kindle gratuitamente ogni mese? E’ disponibile per tutti Prime Reading.).

Una volta effettuata la registrazione, quindi attività l’account, sarà possibile compilare il proprio profilo.
Bastano davvero poche informazioni per completarlo, e non sono neppure obbligatorie.
Nome e cognome, genere, l’eventuale compleanno, una breve descrizione e qualche altro campo libero da compilare. Servono più che altro, queste informazioni, per essere trovati!

Sul profilo trovate, sostanzialmente, tre elementi principali (sia consultando il vostro, che quello altrui):

  • I libri che si sta leggendo
  • Gli amici
  • Gli aggiornamenti

Scaffali e sfida di lettura

Tutto ruota intorno ai contenuti che inseriamo in “I miei libri“. Qui troviamo diversi scaffali (anche personalizzabili): libri letti, libri che stiamo leggendo, libri che vorremmo leggere (più eventuali altri contenitori che creiamo noi).

Da qui si arriva anche alla Sfida di lettura annuale. E’ un modo per darsi un obiettivo annuale (ogni anno, infatti, va impostata). Quanti libri pensate e/o volete leggere? 21? 25? 50? 100? Fate voi.
I libri terminati nell’anno concorreranno al raggiungimento dell’obiettivo. Quelli in lettura no!

Trovate anche l’eventuale sezione dedicata alle vostre note prese su Kindle (qualora vi connettiate con l’account Amazon), le sfide degli anni precedenti (ma sempre dall’anno in cui vi siete iscritti, anche inserendo libri letti dieci anni fa!), un menù in cui indicare i vostri generi di lettura preferiti.

Goodreads per smartphone

Goodreads: social tra i libri

Arriviamo al dunque: Goodreads è un social network.
Sulla Home, infatti, trovate tutto quello che richiama al mondo dei social: i post degli amici o di chi seguite, le loro recensioni/opinioni sui libri, la possibilità di apporre un like al post e/o commentarlo, un pannello per aggiungere il libro ai vostri desiderata, ai vostri libri letti o in lettura.

Tutto ruota intorno ai libri.

Per creare il contenuto, infatti, basterà cercare nella barra superiore il titolo del libro o scannerizzare il codice ISBN (purtroppo delle volte trova titoli diversi da quelli che dovrebbe). Una volta selezionato il titolo desiderato, aggiunto allo scaffale, il post si auto-genera nella home e i vostri follower ed amici lo vedranno.

Influencer dei libri?

Non posso dire che, su Goodreads, non esistano gli influencer. Ci sono, ma creano contenuti obbligatoriamente attinenti ai libri. Un esempio è Bill Gates (si, per qualcuno lui beve il sangue dei bambini … non sono ubriaco, se volete potete approfondire con un libro, appunto, la follia di queste teorie: La Q di Qomplotto): potete seguirlo, restare aggiornati sui suoi suggerimenti di lettura, leggere le recensioni ai testi che propone e commentare.

Per scoprire sempre altro…

La sezione Scopri, in Goodreads, apre le porte a contenuti interessanti (ma solo in inglese). Ci sono generalmente articoli legati a nuove uscite, qualche intervista, e soprattutto delle liste di libri suggeriti in base ai nostri interessi (la maggior parte dei contenuti sono però in inglese, e spesso rimandano a libri editi all’estero. Vanno poi ricercati i corrispondenti in italiano, nel caso, sperando siano stati già editi).

Ci sarebbero anche dei Giveaways, ma ad oggi non ne ho visto attivo nessuno.

Goodreads

Una libreria condivisa

Avete deciso di raccogliere i vostri libri su Goodreads?
Io lo uso da poco più di un anno, trovo comodissimo aver sempre traccia dei libri che leggo (e delle mie percezioni registrate appena terminata l’ultima pagina), ricordandomi che mi sono dato un obiettivo di lettura e stimolante recuperare stimoli osservando cosa leggono i miei amici (vicini e lontani) e i personaggi che ho scelto di seguire.

Se vi andasse, mi trovate qui: Vincenzo Garofalo

Goodreads: perchè usarlo?

Giungiamo alla fatidica domanda: perchè usarlo?

Dopo un anno e qualche mese che ho installato Goodreads sullo smartphone, posso dire spassionatamente che trovo sia un modo comodo per tener traccia delle mie letture (fatte, che vorrò fare).
Curioso tra le letture dei miei amici, spesso ne traggo ispirazione per ampliare la mia già lunghissima lista di acquisti da fare, altre volte rispolvero dal cassetto della memoria i ricordi di libri letti anni ed anni addietro.

Inoltre, la sfida di lettura mi aiuta a darmi un obiettivo: voglio leggere di più, ma con le mille attività quotidiane, il lavoro, un po’ lo sport, il tempo risicato, la voglia di viaggiare appena c’è un attimo di libertà, ho bisogno di un piccolo sprono! E Goodreads sta funzionando.
Goodreads è un po’ il Mapstr dei libri, per me. E’ un diario, è un quaderno di appunti digitale che posso portare sempre con me, è un modo per ripetermi: trova un attimo per i libri che ami!

Trovi l’App sia per i dispositivi Android che iOS.

Goodreads per Android – Download

Goodreads per iOS – Download

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.