Nikon dice addio alla tecnologia reflex

Nikon dice addio alla tecnologia reflex

Nikon, uno dei grandi nomi della fotografia, ha scelto di dire addio al segmento delle reflex. Le fotocamere (qui vi spieghiamo come funziona una macchina fotografica) che hanno contraddistinto un professionista da un curioso, un amatore da un amante del punta e clicca, stanno per scomparire.

Addio alle reflex di Nikon
Il mercato ha decretato la fine delle reflex. Non sono più il prodotto desiderato da chi si appassiona alla fotografia.

Addio alle reflex: il mondo sarà mirrorless

E’ un po’ questo il contenuto del racconto di Nikon. Non c’è più mercato per le reflex, quasi più nessuno ne attende l’arrivo in vendita, il prodotto che le persone desiderano – nel campo fotografico – è la mirrorless.
In realtà la casa nipponica dai colori giallo e nero ha rilasciato una dichiarazione sibillina:

A proposito del «ritiro da parte di Nikon dallo sviluppo Slr».
«Nikon non ha fatto alcun annuncio al riguardo. Nikon sta continuando la produzione, la vendita e l’assistenza di reflex digitali».

Non si parla di sviluppo, parola chiave se si pensa al futuro.
Nikon ha dominato, accompagnata da Canon, il mercato delle reflex. Prodotti dalla fascia bassa a quelli per i professionisti più esigenti, ma pian piano, con l’avvento delle mirrorless è cominciato un processo di conversione.

Anche Canon ha scelto di orientare la propria attività al segmento delle mirrorless. Lo specchio non va più di moda.

Le reflex hanno dominato il mercato fin dal 1960 (circa), con la pellicola 35mm a riempire le sacche dei fotografi. La storia, poi, ha visto un susseguirsi di modelli sempre più evoluti giungere fino a noi, ed eccoci a pensare alla Nikon D6 (l’ultima presentata, nel 2020) dal costruttore giallo-nero.

Un mercato in crisi

E’ stato l’avvento degli smartphone, con il crescente investimento nei moduli fotografici, a rendere complesso l’evolvere e il sopravvivere degli strumenti fotografici più complessi.
Il punta e clicca ha reso la fotografia qualcosa alla portata di tutti, anche i meno pazienti, i meno attenti ai dettagli, hanno potuto portare a casa ricordi impressi di buona qualità (la composizione, invece, resta un problema di tanti!).

Questa rincorsa al dispositivo più compatto, capace di produrre immagini di alta qualità, ha fatto si che si investisse in un nuovo prodotto: le fotocamere mirrorless.
Quel che rende veramente differenti le mirrorless dalle reflex digitali è la presenza dello specchio, dunque del mirino ottico.
Poi, sotto la scocca, molte delle caratteristiche potrebbero essere in comune.

Di entrambi i sistemi, reflex e mirrorless, si possono elencare pregi e difetti. Eppure le mirrorless hanno vinto la battaglia. Sono più desiderate dagli utenti, pare siano generalmente più compatte (ma, prima di pensare al corpo macchina, a mio avviso andrebbe anche dato uno sguardo agli obiettivi che si intende usare!).

Ora la sfida vede più giocatori, agguerriti: Canon, Nikon, Sony, Pentax… ma c’è anche Fuji, Olympus, Hasselblad, Leica ecc.
Come cambieranno gli equilibri?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.